Martedì 11 Giugno 2013

Giappone: compie 10 anni la città a prova di terremoto

Grattacieli e case antisismiche grazie a “muri appiccicosi”, ammortizzatori e tetti verdi, dove la sicurezza degli edifici si accompagna al risparmio ed all’efficienza energetica.
 
 
(Rinnovabili.it) – In una delle Nazioni da sempre al centro di fenomeni sismici di grande potenza, sorge un quartiere a prova di terremoto. E’ Roppongi Hills, un quartiere di Tokyo, costruito 10 anni fa e composto esclusivamente da grattacieli e case antisimiche, considerata la più grande riqualificazione  urbana del Giappone.
 
I lavori per Roppongi Hills, conosciuta anche come “Artelligent City“, vennero completati nel 2003 trasformando un’area di ben 11 ettari in un complesso dove abitare, lavorare, giocare, riposare, studiare e creare, composto da 760.000 mq di case antisimiche.
Progettato per essere il più possibile a misura d’uomo nonostante i grattacieli, il quartiere di Roppongi Hill separa la mobilità lenta da quella veloce, inserendo i percorsi pedonali in una vasta area verde attrezzata.
 
 
La città dove fuggire e non da cui sfuggire
 
 
La società di costruzioni che si è occupata di realizzare l’intero quartiere di Roppongi Hill, la Mori Building Co., fin da principio ha puntato alla sicurezza, ponendosi come obiettivo quello di realizzare una città “dove fuggire in caso di terremoto” e non un luogo dal quale fuggire.
 
Le caratteristiche che hanno permesso di realizzare case antisimiche e grattacieli a prova di catastrofe naturale sono diverse:
 
1. Sticky Walls - Letteralmente “pareti appicciose“, questa tecnologia è stata impiegata nei complessi residenziali Roppongi Hills B e C, e consiste nell’iniettare all’interno uno sostanza altamente collosa in piastre scatolari d’acciaio interne alle pareti. In questo modo l’alta resistenza delle singole piastre allevia i problemi causati da vento e terremoti;
 
2. Ammortizzatori - Veri e propri ammortizzatori capaci di assorbire lo scuotimento degli edifici durante le scosse sismiche trasferendolo dalla costruzione al braccio meccanico dell’elemento. Un sensore posto all’interno di un liquido oleoso percepisce anche le minime scosse o le sollecitazioni del vento, mettendo in funzione gli ammortizzatori in modo da alleviare il problema.
Solo nella Mori Tower, una delle costruzioni antisismiche di Roppongi Hills, sono stati installati 192 ammortizzatori.
 
3.Green Mass Damper – Anche in questo caso si tratta di uno sorta di ammortizzatori, ma connessi con il verde pensile delle coperture. Lo strato verde è separato dall’edifico da una sottilissima lastra di gomma laminata, in questo modo l’effetto pendolo che si viene a creare tra lo strato verde e la lamina sottostante permette di assorbire una parte dell’energia delle scosse sismiche, alleviando l’effetto devastante che avrebbe sull’intera struttura.
 
4. Pilastri CTF – L’altissima resistenza delle case antisismiche e dei grattacieli del quartiere Roppongi Hills inoltre si deve alle speciali colonne che ne sostengono la struttura, colonne portanti composte da tubi in acciaio riempiti di calcestruzzo. La resistenza alla deformazione di questi elementi è altissima, unendo le potenzialità dell’acciaio a quelle del cemento.
 
 
Attenzione al risparmio energetico

 
Nel progetto per il quartiere antisismico Roppongi Hills anche l’aspetto energetico non è stato trascurato, soprattutto nel tentativo di ridurre l’impatto ambientale e l’impronta di carbonio degli edifici.
 
Cogenerazione – Il sistema per il raffrescamento e riscaldamento dell’edificio sfrutta la combinazione di energia elettrica e termica con il recupero di calore. In questo modo l’impianto consente la produzione di energia combinata con l’effettiva domanda e le oscillazioni del mercato, arrivando ad un risparmio energetico di circa il 20%.
 
Sistema di trattamento acque grigie - Nel piano interrato è stato installato un sistema di trattamento della cque grige che consente di purificare fino a 1.000 mc al giorno da ridestinare ai servizi igienici.
 
Recupero acque piovane – Sistemi per lo stoccaggio dell’acqua piovana sono stati installati in tutti gli edifici di Roppongi Hills, lungo le principali arterie stradali e nei parchi, riducendo ad abbattere notevolmente la domanda idrica e prevenendo gli allagamenti.
C4040-252 MB5-705 70-410 C4040-250 70-461 200-120 70-486 810-401 70-483 70-417 640-554 70-488 CCA-500 N10-005 C4040-252 MB5-705 70-410 C4040-250 70-461 200-120 70-486 810-401 70-483 70-417 640-554 70-488 MB2-704 70-480 70-346 1Z0-061 AWS-SysOps C4040-251 HP0-S41 70-410 70-488 70-461 MB5-705 200-120 70-486 70-411 70-480 70-346 70-462 70-347 70-412 70-483 70-417 MB2-703 70-331 220-802 C4040-252 C_TADM51_731 300-101 70-417 CCD-410 C4040-251 1Z0-060 070-410 70-347 300-115 HP2-B115 70-411 070-486 70-410 200-120 70-486 70-461 9L0-422 70-534 98-349 70-341 300-208 400-051 98-365 HP5-B04D PMP 642-874 70-332 200-120 70-486 70-411 70-480 70-346 70-462 70-347 70-412 70-483 70-417 MB2-703 70-331 LOT-914 920-136 000-058 1Z0-140 HP2-N43 ITSM20F.EN Hp2-E30 IBQH001 QAWI301 642-661 CCD-410 70-532 400-101 EX200 HP2-B115 70-467 70-534 070-461 220-802 SY0-401 220-801 MB2-708 070-488 C4040-252 70-410 200-120 C4040-250 70-486 70-461 MB5-705 C2140-636 C2040-913 000-M78 HP2-B44 000-452 E20-070 000-081 920-470 70-577 070-330 MB6-507 M2040-656 CLAD 000-991 ST0-136 650-157 310-055BIG5 MB3-215 70-299 70-321 000-926 640-811 HP0-698 000-798 74-676 251-222 70-545-Csharp HC-123 C4040-252 MB5-705 70-410 C4040-250 70-461 200-120 70-486 810-401

ASUS, grazie al notebook ASUS U53SD serie Bamboo, è diventato il primo produttore del settore IT al mondo capace di soddisfare i requisiti dello standard PAS 2060:2010 per il raggiungimento della Carbon Neutrality. Questa certificazione conferma inoltre il notebook ASUS U53SD quale il primo portatile a ‘emissioni zero' per ...

Hannspree ha lanciato sul mercato la serie di monitor backlight LED HL.
Caratterizzati da design moderno ed elegante, i monitor HL sono leggerissimi, dotati di un frame ultraslim nero specchiato e abbinano un'estetica adatta ad ogni contesto alla tecnologia più avanzata. ...

Scopri strumenti innovativi ed evoluti per semplificare il tuo lavoro quotidiano e rispettare l'ambiente. I nuovi trasformatori Green T.HE in resina, conformi alla norma CEI EN 50541-1, sono concepiti per ottenere la massima efficienza energetica e basse perdite a vuoto e sotto carico. Realizzati con materiali di alta qualità e collaudati ...
Per capire davvero cosa sia una “casa minimalista”, autosufficiente e ad impronta ambientale ridotta, forse è sufficiente osservare l’ultimo progetto realizzato da Renzo Piano per il Parco architettonico del Campus Vitra, la cabina ...
© Europroject s.n.c. 2011 | Asti, C.so Luigi Einaudi 106 | info@europroject.biz | www.europroject.biz